Variante Delta, allerta su aumento dei casi. Le raccomandazioni del Ministero

348

Completare il prima possibile i cicli vaccinali, tracciare e sequenziare casi specifici per monitorare la circolazione delle varianti. Le raccomandazioni del ministero della Salute

Completare il prima possibile i cicli vaccinali, tracciare i casi e sequenziare casi specifici per monitorare la circolazione delle varianti del virus Sars-CoV-2. Queste le recenti raccomandazioni contenute nella circolare del ministero “Allerta internazionale variante Delta: incremento dei casi Covid-19 in diversi Paesi Europei” che riporta l’incremento dei casi confermati Covid-19 da variante B1.617.2 (variante Delta) segnalati nelle ultime ore in diversi Paesi Europei, come pure in Italia dove ha una prevalenza pari al 22,7%.

Ministero: da allentamento delle misure possibile aumento dei casi

Sulla base dei dati disponibili, si legge nel documento, si prevede che in Europa, entro l’inizio di agosto, il 70% delle nuove infezioni da Sars-CoV-2 sarà dovuto alla variante Delta ed entro la fine di agosto sarà il 90%. Il ministero avverte che qualsiasi allentamento durante i mesi estivi della severità delle misure adottate all’inizio di giugno, “senza un contemporaneo aumento dei livelli di vaccinazioni complete nella popolazione, potrebbe portare ad un repentino e significativo aumento dei casi Covid-19 giornalieri in tutte le fasce d’età, e soprattutto in quelle < 50 anni, con un incremento associato dei ricoveri e decessi”. In Italia il dato sulla prevalenza della cosiddetta variante Delta si attesta al 22,7% ed è stata identificata in 16 Regioni/PA, con un range tra lo 0 e il 70,6% ed è in aumento. E anche qui il Ministero, ricordando l’allentamento delle misure di controllo nelle ultime settimane, la maggior mobilità delle persone, e l’aumento delle interazioni sociali, avverte: “Nel contesto italiano, in cui la campagna di vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti in tutte le fasce di età, la diffusione di varianti a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante. Al fine di contenerne ed attenuarne l’impatto, è importante mantenere l’incidenza a valori che permettano il sistematico tracciamento della maggior parte dei casi positivi e il sequenziamento massivo di SARS-CoV-2 per individuare precocemente e controllare l’evoluzione di varianti genetiche nel nostro Paese”.

Le raccomandazioni del Ministero

E raccomanda di adottare le seguenti strategie:
· continuare a monitorare con grande attenzione la circolazione delle varianti del virus SARS-CoV-2;
· rafforzare le attività di tracciamento dei casi e dei contatti di caso;
· applicare tempestivamente e scrupolosamente sia le previste misure di contenimento della trasmissione, che le misure di isolamento e quarantena in caso di VOC Delta sospetta o confermata,
· sequenziare prioritariamente i campioni provenienti da:
– soggetti vaccinati contro SARS-CoV-2 che successivamente si infettano nonostante lo sviluppo di una risposta immunitaria al vaccino;
– soggetti in contesti ad alto rischio, quali ospedali nei quali vengono ricoverati pazienti immunocompromessi positivi a SARS-CoV-2 per lunghi periodi;
– casi di reinfezione;
– soggetti in arrivo da Paesi con alta incidenza di varianti SARS-CoV-2; – in caso di aumento dell’incidenza o cambiamento nella trasmissibilità e/o virulenza dell’infezione in un’area;
– soggetti appartenenti a cluster per valutare la catena di trasmissione e/o l’efficacia di strategie di contenimento dell’infezione.
· garantire strategie vaccinali che tengano conto della possibile minore protezione contro le infezioni da variante Delta dopo una sola dose di vaccino, dell’efficacia sostenuta della vaccinazione completa e della necessità di effettuare una vaccinazione completa contro COVID-19 il prima possibile, se è disponibile, negli individui a rischio di grave infezione.

Fonte: Farmacista 33